Non solo partorirai con dolore…

 

Perché, ditemi.
Perché una donna
tutte le sere suo malgrado
si trova immancabilmente a mezzanotte
non a perdere la sua scarpetta avviluppata ad un principe,
non a rientrare dal cinema dopo quel film che…
non a ritrovarsi con sé stessa sognante
ma ritrovarsi sempre e solo
davanti a quella cosa
con l’oblò?

E a mezzanotte e cinque davanti a quel trespolo con le mollette?
Manco fossimo un esercito a casa.

Annunci

Informazioni su graziaballe

Se fossi un animale, sarei un uomo.
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

25 risposte a Non solo partorirai con dolore…

  1. Raimondo ha detto:

    nn so, andrebbe studiata questa cosa…ma da uno bravo! 😉
    Carino il video!!!

  2. Badev ha detto:

    Ah, ecco, è qui che hai traslocato. Sono passata per ringraziare di un paio d’ore belle.

    • graziaballe ha detto:

      Si benvenuta nel nuovo alloggio! Modesto come vedi…ma confortevole..
      Grazie a te carissima, è stato un grande piacere vederti.
      Ora telefono alla podo e facciamo una riunione condominiale, vuoi? 😀

  3. eh no grazia, no, dissento profondamente. sostengo inziative non violente ed emancipatorie. continua pure a guardare l’oblò, se vuoi, anche a mezzanotte, scegli l’orario che più prefersici (anche se dubito sia quello, a volte il lavoro non lascia scelta) ma di una centrifuga piena solo di panni tuoi. il resto, da solo, né si laverà né si stenderà: basta niente per cambiare.

    • graziaballe ha detto:

      mi stai velatamente dicendo che dovrei far fare a ciascuno il suo?
      ti avverto ammen….io ho gente tenace intorno. E un bagno troppo piccolo per contenere i panni che da soli non si lavano per mesi! 😉
      (a dire il vero il mio compagno non posso rimproverarlo…lavora 13 ore al g e non posso certo farmi trovare col mattarello in mano pronunciando “boia faus faccio tutto io in questa casa nè!”. Però hai perfettamente ragione: mio figlio una svegliata potrebbe darsela!!)

      • no, ma non è questione di “rimproverare”. anch’io spesso sono fuori casa (mettendoci anche il viaggio in treno) 13 ore al giorno, ma questo non mi esenta (non perchè me lo dica la mia compagna) dal far andare una macchina, rigovernare la casa o chissà che altro. è la dicotomia molto lavoro fuori poco in casa che penso debba essere superata, anche se nella famiglia lavoara solo una persona e indipendentemente da chi nella coppia lavori. volgio dire: non è che il lavoro fuori è “vita” e qullo in casa è “non vita”, altrimenti c’è qualcosa che non va! sbaglio?

      • graziaballe ha detto:

        Non sbagli, ammen…non sbagli.
        (hai fratelli? no, sai, ho delle amiche che…. 🙂 )
        Ahimè, nel mio caso sono proprio io che quando gli vedo la faccia così stanca mi dico “vabbè, ma in fondo io non sono poi così malmessa…”.
        Resta il fatto che non so come riusciamo a produrre tanta robbbba!!!

      • grazia, lungi da me la critica personale, ci mancherebbe! davvero, mica te lo dicevo perché tu dovessi giustificarti… son fatto così, deformazione professionale da teatro: dal personale al collettivo. su certe cose faccio una crociata, ma difendo a spada tratta il proverbio sul non porre falangi, falangine e falangette in mezzo alle vicende di coppia 😀

      • graziaballe ha detto:

        ma che bello che ci siano persone così!
        non preoccuparti….ho capito lo spirito perchè anche io CI HO spesso la stessa tendenza!
        😀

  4. Ma dico, ce le hai le mollette unisci calzini? Magari sono la vera svolta della tua vita. Te le subaffitto
    🙂
    Ti riassumo la mia giornata di ieri:
    8. visita al cantiere di casa
    9-15:lavoro indemoniato
    15.20 visita al cantiere di casa
    16.30. pediatra
    17-19: gioco con bibi
    19:pappa
    21. bibi a letto
    22. fare i piatti della cena
    22.30: lavoro
    23.30 passare verdure per pappa di bibi di oggi.

    mio marito giocava a ruzzle. “Sai, -mi dice- mi aiuta a rilassarmi un po’”.
    Ah, certo.

  5. tantopercantare ha detto:

    oh, io l’oblò lo fisso don gran gusto, è quel robo bollente e svaporante che mi fa smattare.

  6. Ariane d'Auble ha detto:

    Ma davvero a mezzanotte sei ancora in piedi??? Io se arrivo sveglia alle 22.30 è perché è Capodanno. Grazie, comunque. Sono passata di qua e mi sono sentita subito a casa!

    • graziaballe ha detto:

      Grazie, che piacere!
      Verrò a visitarti anche io…
      Quanto all’essere svegli a quell’ora…bhè ti confesso che prima dell’una non vado quasi mai a dormire…
      Mi rendo conto che è un ritmo sbagliatissimo ma ahimè…

  7. rodixidor ha detto:

    Forse perché ora c’è l’epidurale ? (vabbè questa forse potevo risparmiarmela …)

Prego, per di qua...

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...